Nome utente:    Password:    Login automatico  

Menu Principale

Link to us
Link to us


Forum
iQuindici -> Forum -> Griffeltavla
<< Discussione precedente | Discussione successivo >>  

 antologia "copyleft" di gaffi editore

Moderatori: Francesco, marta baiocchi
Autore Messaggio
moniq
31/05/05 01:59 Cita

Ospite
è uscita in questi giorni un'antologia composta dai partecipanti dell'evento Martelive del 2004, tra cui anche wu ming, saverio fattori e girolamo de michele.
il prezzo (politico) si spera possa impinguare le casse di "terre di mezzo", e il testo è rigorosamente in copyleft.. se lo stampate da casa, che sia sulla stessa carta in cui si trova il libro: eco carta secondo gli standards greenpeace
Torna all'inizio
Anonimo
01/06/05 00:53 Cita

Ospite
E aggiungiamo pure che si può scaricare a questo indirizzo:::: che ne dici?
http://www.gaffi.it/document/upload/Copyleft.doc
Torna all'inizio
moniq
11/06/05 17:14 Cita

Ospite
possiamo anche aggiungere che se ne trova una bella recensione su blackmailmag QUI
Torna all'inizio
moniq
03/07/05 01:42 Cita

Ospite
e questa è la recensione apparsa venerdì 1 luglio 2005 sul Manifesto:
«Copyleft fino in fondo», un'antologia in nome della scrittura senza proprietà
ERNESTO MILANESI
Copyleft fino in fondo: l'antologia (Alberto Gaffi Editore, pp. 192, € 7) si può scaricare liberamente dal sito dell'editore romano, riprodurre in libertà, diffondere in rete. Stampata con carta ecostenibile, ha anche il pregio di sostenere il progetto «Terre di mezzo», la notte dei senza fissa dimora. L'agile volume con la copertina verde mela della collana Evasioni raccoglie l'esperienza letteraria all'interno della quarta edizione del MArteLive di Roma. «Un contesto informale, distante dalla fredda perfezione dei momenti istituzionali, ma forte dell'artigiana capacità dello stare insieme. I nostri reading si sono svolti la sera, fra birra e musica, tra la stanchezza del giorno e l'ambiguità della notte, tra l'idea della letteratura e la voglia di viverla» sottolinea nell'introduzione Girolamo Grammatico, che ha curato la versione editoriale del ciclo di nove appuntamenti.

L'antologia riproduce il materiale di una ventina di autori, per lo più giovani. Storie, racconti, suggestioni, spunti, narrazioni che sgorgano naturalmente da ciò che il sottotitolo definisce «istantanee dal sommerso letterario». Copyleft muove dalla consolidata riflessione di Wu Ming 2 («Le storie sono di tutti e nessuno deve poterne bloccare la libera diffusione») ed esplora l'orizzonte con i contributi che allargano i cerchi del sasso nello stagno lanciato dal collettivo bolognese.

Girolamo De Michele condensa in sei pagine la storia che «il Togliatti» dipana avvitando il silenziatore alla pistola, mentre Saverio Fattori con Monica Mazzitelli trovano una soluzione meno sintetica grazie a «In carcere le notti passavano lente». Per i seguaci della newsletter Giap! non sono certo inedite novità la favola dei trecento boscaioli dell'imperatore o l'intervista sulla strategia del copyleft con Wu Ming 2, tuttavia nel ventaglio dell'antologia irrompono anche pagine capaci di confermare una vitalità generazionale. Sono i ragazzi nati all'inizio degli anni Settanta che ora si misurano con il mondo delle parole, sempre con un tratto di leggera scrittura: il romano vero Claudio Morici e quello d'adozione Michele Governatori oppure il siciliano Fabrizio Pizzuto. Ma Copyleft si apre anche con i lampi dei versi di Mauro Pettorusso dentro il temporale di Under 23 alle prese con filosofia e medicina, volontariato sociale e vita in bilico. E regala il dialogo notturno con il colombo Gu-Gu: l'avvocato di Pola ed ex ufficiale della marina Drazan Gunjaca è sempre alle prese con l'eredità del conflitto jugoslavo, perfino di fronte al pennuto interlocutore.

Dentro Copyleft si sfogliano anche sorprendenti variazioni. Come il «manuale per giovani borghesi che vogliono apparire ribelli» di Paola Guagliumi oppure la «Lapa» che il protagonista rincorre dentro le pagine firmate Mauro Mirci, altra voce narrante della Sicilia. Ad avere la pazienza di leggerli questi ragazzi restituiscono un po' di passione. E, soprattutto, non sono un codice a barre.
Torna all'inizio
moniq
03/07/05 23:54 Cita

Ospite
e queste è un'altra recensione da carmilla:
COPYLEFT - istantanee dal sommerso letterario

di Girolamo Grammatico

Copyleft_COP.jpg[Per i tipi di Alberto Gaffi Editore, esce in questi giorni un'interessantissima antologia curata da Girolamo Grammatico, COPYLEFT - Istantanee dal sommerso letterario (7 euro). In apertura, un'intervista a Wu Ming 2, dove si affermano cose decisive sui rapporti tra comunità e storie. A seguire, testi all'altezza di scrittori e intellettuali, tra cui alcuni molto conosciuti come Francesco Pacifico, Girolamo De Michele, Giuseppe Casa o Monica Mazzitelli de i Quindici. Riproduciamo la piccola introduzione del curatore, segnalando che il testo è - visto il titolo - disponibile in formato elettronico presso il sito di Gaffi.
Nino G. D'Attis, geniale curatore di BlackMailMag, presenterà COPYLEFT il 6 luglio a Roma, alle 19.30, presso la libreria Motamot di Roma, in via Giulio Rocco 37/39. Invitiamo i lettori di Carmilla residenti o di passaggio a Roma a partecipare! gg]

Si fa tanto parlare di letteratura in Italia.
Tra cultura e contro-cultura, laboratori di scrittura creativa e ricreata, editoria dissidente e dissociata, scrittori di sinistra e di destra, centrali e centrati, polemici e postnet_romantici è difficile proporre scritti e autori senza cadere nell’ingranaggio e farne parte come trasformati dal tocco del re Mida. Quest’antologia, nel panorama letterario, si pone lontano dall’industria della cultura e la lascia indietro spiazzandola e ignorandola, non per snobbismo, ma per ingenua incomprensione dei meccanismi di marketing e di lobby relations.

Il libro che tenete tra le mani non era previsto.
Già questo assunto, credo, basta a far comprendere come dietro ad ogni scritto che lo compone non c’è alcun messaggio editoriale meditato, ma, al contrario, il frutto oggettivo di un lavoro ricco di trasparenza e grinta. Quando il MArteLive cominciò, l’attenzione era tutta dedicata ai reading (ai quali hanno partecipato gli autori di COPYLEFT) ragion per cui la possibilità di creare un’antologia era, più che remota, di difficile attuazione, a causa delle fatiche a cui i nove momenti letterari ci hanno costretto. La voglia di fare, la soddisfazione degli scrittori ci hanno spinto a prendere in considerazione la possibilità di proporre parte del lavoro presentato durante suddette serate ad un pubblico più esteso.
Da lì in poi i passi sono stati ovvi.
Il copyleft necessario.
La carta ecostenibile d’obbligo.
La donazione a Terre di Mezzo un piacere.

Nasce così quest’antologia, summa di un lavoro che non si è fermato solo alla letteratura, ma che ha tentato di andare oltre: oltre gli scrittori, oltre gli editori, oltre i lettori stessi.
Abbiamo pensato di mantenere legato il libro al contesto in cui è nato. Un contesto informale, distante dalla fredda perfezione dei momenti istituzionali, ma forte dell’artigiana capacità dello stare insieme, arricchendosi semplicemente dell’incontro.
Ed ecco che il nome prende forma proprio dall’incontro stesso, dove il raccontare è stato il protagonista liberando le storie in modo non monitorabile. Incontri sempre diversi, legati ai libri, è vero, ma non solo, anche al desiderio di ascoltare, di chiedere, di conoscere.
I nostri reading si sono svolti la sera, tra birre e musica, tra la stanchezza del giorno e le ambiguità della notte, tra l’idea della letteratura e la voglia di viverla.
Per questo motivo questa antologia è poco definibile, sfuggente, perché non si è legata ad un mondo, ad una sola idea, ma è cresciuta dalla collisione di tutte le variabili che hanno portato ai reading romani del MArteLive.

Da ciò si è venuta a creare l’esigenza di un progetto che legasse il libro a tutte le persone che hanno condiviso le nostre modalità di proporre letteratura.
Ragion per cui, fin dalla copertina, ogni scelta è stata fatta con uno scopo etico, con la voglia di lanciare un messaggio, con il desiderio di sensibilizzare.
La carta che stringete fra le mani, non è solo voglia di accodarsi nelle file di una moda naturalista, ma la convinzione, forte, che si deve legare un bene prezioso come la letteratura ad un altro bene più prezioso: la nostra casa. La quota destinata al progetto di Terre di Mezzo per i senza tetto richiama l’idea che la letteratura non sia prerogativa di élite economiche o intellettuali, ma che essa abbia una forte componente legata al basso e che al basso deve guardare, non con mero pietismo, ma con la consapevolezza che non esiste Cultura senza Eticità. Il COPYLEFT che dà il titolo al libro, infine, è anche e soprattutto una lotta per la liberalizzazione dalle opprimenti sovrastrutture come la proprietà d’ingegno che tengono legata una tra le componenti più belle della nostra mente: il coraggio del confronto con l’altro.
Avete fra le mani, insomma, un frutto da gustare con calma e serenità. Attenzione al retrogusto però e scusateci se questa raccolta non vi tratterà sempre come speravate, ma è solo una piccola antologia senza alberi abbattuti sulla coscienza, con l’impegno di aiutare qualcuno e con un solo dovere nei confronti del sapere… la libera riproduzione!
Pubblicato Luglio 4, 2005 12:20 AM
Torna all'inizio
moniq
04/07/05 00:05 Cita

Ospite
PRESENTAZIONE A ROMA:
Nino G. D'Attis, geniale curatore di BlackMailMag, presenterà COPYLEFT il 6 luglio a Roma, alle 19.30, presso la libreria Motamot di Roma, in via Giulio Rocco 37/39.
Torna all'inizio

Passa:     Torna all'inizio



Articoli

Lavori in corso...
totale lavori ricevuti: 1.956
con (almeno) due letture: 1.869
con una lettura: 44
in attesa di lettura: 43

Se ritieni...

... che il nostro impegno meriti un aiuto
Puoi contribuire!

fai una donazione su PayPal


Contatore
Oggi: 9 (unique:1)
Sempre: 131064667 (unique:130515670)
Record: 101314 (unique:100970)

Render time: 0.1829 second(s).